Tag Archives: bassano green

Poletto su Piano degli Interventi

Sono sincero nel dire che ho avuto qualche difficoltà nel corso degli ultimi mesi nel capire oggetto e finalità del Piano degli Interventi di cui stiamo discutendo: quando ne sentimmo parlare per la prima volta in Commissione, ci venne detto che si trattava di rivedere alcune cartografie viziate da errori e soprattutto ci si proponeva di implementare un software che permettesse di caricare tutte le informazioni riguardanti di ogni singola area, in modo da velocizzare la consultazione e di conseguenza buona parte del lavoro degli uffici, poi capii che si metteva mano anche alla parte normativa, ma anche qui mi sembrava di aver compreso che si sarebbe trattato di ritocchi… Continue reading

Sul Regolamento di Edilizia Sostenibile

Credo, come hanno sottolineato in molti, che stasera faremo davvero una cosa buona ed importante con l’approvazione di questo regolamento di edilizia sostenibile; siamo forse di fronte ad una piccola svolta storica, l’approvazione del regolamento in questione, infatti, avrà effetti positivi sulla qualità delle future edificazioni ed assume anche un importante significato simbolico e culturale, si tratta di fare un passo nella direzione di un nuovo modo di stare al mondo, di un nuovo modo di rapportarsi all’ambiente, meno impattante, più equilibrato. Continue reading

Alcune note sulla mobilità sostenibile a Bassano

Pubblichiamo qui di seguito una sorta di foglio di lavoro, uno strumento che ci è stato utile per proporre delle linee guida sulla mobilità sostenibile in città, un tema che ci sta a cuore.

  • Necessità di liberare la città dal traffico automobilistico che la soffoca e la inquina.
  • Necessità di consentire una circolazione più sicura e più sana.

Ne consegue che bisogna diminuire il traffico di auto ed aumentare quello della bici con l’obiettivo di far diventare Bassano una città a misura di pedoni e ciclisti.

Se l’obiettivo viene condiviso dalla maggioranza, si dovrà procedere in modo graduale ma radicale, tenendo presente quattro punti ugualmente importanti:

  1. Condivisione delle scelte con la città tramite adeguata campagna informativa che spieghi in modo semplice quanto si intende fare, soprattutto giustificando le scelte;
  2. Modifica dei limiti di velocità introducendo le zone 30 nelle zone residenziali e presso le scuole e realizzazione di zone a traffico limitato (centro storico, centro studi)
  3. Potenziamento del trasporto pubblico, anche con forme diversificate;
  4. Forte impegno dell’Amministrazione da un punto di vista culturale, con il coinvolgimento di associazioni e scuole.

Questo presuppone che si faccia rispettare il Codice Stradale. Le sanzioni dovranno essere investite in progetti di mobilità sostenibile, nella massima trasparenza sia delle entrate che delle uscite.

Nel lavorare per la mobilità sostenibile si deve tenere presente il problema delle persone con disabilità.

Se Bassano vuole raggiungere questi scopi bisogna essere decisi a rendere meno conveniente l’uso dell’auto rispetto alla bici per le persone che per età, salute e scopo dello spostamento possono usarla.

Quindi:

  • i parcheggi attuali sono – se si fa eccezione per la destra Brenta – ampiamente sufficienti, basti pensare al quasi cronico sottoutilizzo del parcheggio sotterraneo Cadorna e del parcheggio Gerosa;
  • bisogna ridurre i sensi unici e quando ciò non sia possibile, si dovrebbe permettere il doppio senso per le bici;
  • no a piste ciclabili, costose, di difficile manutenzione e pulizia, spesso pericolose e sì a corsie per le bici, anche laddove questo dovesse far eliminare una fila di parcheggi;
  • creazione di passaggi pedonali rialzati e colorati per ridurre la velocità delle auto;darsi dei tempi verosimili e procedere con la dovuta gradualità ma con molta determinazione.